Questo sito utilizza cookie (propri o di altri siti) per salvare informazioni e tracciare dati di navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie Clicca qui Altrimenti accedi a un qualunque elemento del sito.

Ok

Dolore al braccio: l’epitrocleite o “gomito del golfista”

L’epitrocleite è una sindrome infiammatoria o una tendinosi comunemente nota con il nome di “gomito del golfista” e una frequente causa di dolore al braccio. Come il gomito del tennista, l’epitrocleite è una patologia a carico dei tendini dei muscoli dell’avambraccio causata, principalmente, dal sovraccarico funzionale. Nel caso del gomito del golfista si tratta dei tendini dei muscoli che partono dalla protuberanza della testa dell’omero (epitroclea) per arrivare fino al polso. Sono muscoli che permettono la rotazione della mano verso l’interno e la flessione del polso (flessione e pronazione).

In molti casi l’iniziale infiammazione porta a una degenerazione del tessuto dei tendini, per tale motivo si parla di tendinopatia più che di tendinite.

Il dolore causato dall’epitrocleite è localizzato nell’area del gomito e diventa ancora più fastidioso e diffuso qualora, come accade spesso, l’infiammazione coinvolga anche il nervo ulnare.


Le cause del gomito del golfista

Come si può intuire dal suo appellativo, questa patologia è diffusa tra coloro che, per sport o per attività professionale, compiono movimenti del braccio ripetitivi o particolarmente pesanti.

L’infiammazione dei tendini dei muscoli epitrocleari può essere anche causata da traumi dovuti a sforzi eccessivi a freddo (affrontati senza adeguata preparazione), da movimenti forzati o da traumi da impatto a carico del gomito.

Le principali cause dell’insorgenza dell’epitrocleite in breve:

  • Sovraccarico funzionale dovuto all’utilizzo ripetitivo di strumenti professionali e sportivi;
  • Utilizzo di computer e mouse;
  • Movimenti impegnativi a freddo;
  • Movimenti forzati.

I sintomi dell’epitrocleite

Il dolore localizzato nell’area interna del gomito è il primo segnale dell’insorgenza del gomito del golfista. Una patologia che deve essere trattata il prima possibile per evitare il decorso degenerativo dei tendini. Per tale motivo, l’analisi dei sintomi deve essere eseguita da un medico per una diagnosi accurata della causa del dolore.

I sintomi in breve:

  • Dolore sul lato interno del gomito;
  • Intensificazione del dolore nei movimenti di torsione della mano;
  • Rigidità dell’articolazione;
  • Gonfiore localizzato;
  • Intorpidimento delle dita della mano;
  • Indebolimento della presa.

Prevenzione

Per prevenire l’insorgenza del gomito del golfista è importante il rinforzo muscolare, il riscaldamento e lo stretching, soprattutto nel caso di sportivi e professionisti costretti a movimenti ripetitivi di mani e dita. In questi stessi casi è fondamentale poter contare su attrezzatura professionale o, comunque, adeguata all’intensità d’impiego.

Il controllo della postura del polso nel caso di sforzi di sollevamento può aiutare a caricare meno il gomito durante questo tipo di attività.

Osservare i tempi di recupero o il riposo al primo manifestarsi del dolore al gomito può essere decisivo per prevenire il gomito del golfista.