Questo sito utilizza cookie (propri o di altri siti) per salvare informazioni e tracciare dati di navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie Clicca qui Altrimenti accedi a un qualunque elemento del sito.

Ok

Conosciamo il dolore al collo

Finché non siamo colpiti dal dolore, qualsiasi sia la causa, non ci rendiamo conto di quanto la mobilità del collo sia fondamentale nel nostro quotidiano: guidare, lavorare, fare attività fisica o anche, più semplicemente, compiere i comuni gesti del quotidiano, con un dolore al collo diventano azioni difficili, quando non impossibili. I movimenti della testa sono, infatti, impediti da un dolore acuto o sordo e costante.

I disturbi possono dipendere da problemi riguardanti l’apparato muscolare del collo o le articolazioni del tratto cervicale della colonna vertebrale.

Il termine cervicalgia indica genericamente le varie tipologie di mal di collo che implicano un dolore continuo e prolungato della zona cervicale (collo o nuca). La cervicalgia (cervicale o torcicollo com’è più comunemente noto questo dolore) può essere anche associata ad altri disturbi come nausea e vertigini.

Quando l’infiammazione cervicale interessa anche le radici nervose, estendendo il dolore al braccio, si parla di nevralgia cervico-brachiale.

Quando la cervicalgia ha riflessi secondari come alterazione della vista e vertigini, si parla di nevralgia cervico-cefalica.


Struttura del collo

Per “collo” solitamente s’intende la parte del corpo compresa tra la testa e il tronco. In pratica si tratta della parte più alta della colonna vertebrale (rachide cervicale) composta dalle sette vertebre cervicali.

Ciò che rende la testa una delle appendici più mobili del nostro corpo è lo snodo cardanico composto dalle prime due vertebre:

  • Prima vertebra cervicale o atlante;
  • Seconda vertebra cervicale o epistrofeo;

La struttura ossea del collo è sostenuta e resa dinamica grazie a un complesso di muscoli ancorati al cranio, alle vertebre e alla clavicola. La struttura muscolare è organizzata in tre sistemi fasciali:

  • Fascia cervicale superficiale;
  • Fascia cervicale media;
  • Fascia cervicale profonda.


Le cause più diffuse di dolore al collo

Le cause di una cervicalgia possono essere le più varie: colpi di freddo, postura, infiammazioni dovute a traumi.

Torcicollo

La causa più frequente di dolore al collo è il cosiddetto torcicollo: il risultato di una postura scorretta, mantenuta per lungo tempo. È il classico dolore al collo che si accusa la mattina, dopo aver dormito in posizione scomoda o non naturale. I muscoli del collo risultano contratti, bloccando e limitando i movimenti della testa.

Per ulteriori approfondimenti clicca qui

Colpo di frusta

Trauma di lieve, media o grave entità che interessa il rachide cervicale, tipico degli incidenti automobilistici, ma che può essere frequente anche in alcuni sport.

Nei traumi più lievi la muscolatura cervicale assume la contrazione tipica da riflesso protettivo. I tipici sintomi sono torcicollo, cefalee, ronzii alle orecchie.

Nei traumi più gravi, invece, i sintomi possono interessare le componenti ossee della colonna vertebrale (frattura vertebrale) compromettendone la funzionalità.

Per ulteriori approfondimenti clicca qui

Strappo o stiramento muscolare

Le lesioni muscolari che interessano il rachide cervicale in maniera più o meno grave, dalla contrattura allo stiramento fino allo strappo muscolare, sono traumi particolarmente frequenti tra chi pratica sport, ma anche tra chi conduce uno stile di vita sedentario. Movimenti bruschi o un sovraccarico di lavoro dei muscoli cervicali possono portare alla loro infiammazione. I sintomi sono dolore, gonfiore, limitazione della mobilità e, nei casi più gravi, ematoma.

Artrosi cervicale (cervicoartrosi o spondilosi cervicale)

Con l’avanzare dell’età si assiste a un deterioramento progressivo dei dischi intervertebrali della zona cervicale, comunemente noto come artrosi cervicale. È un processo degenerativo, che consiste nella riduzione dello spessore del disco intervertebrale, creando un attrito tra i capi ossei, con conseguente infiammazione della zona cervicale.

Per ulteriori approfondimenti clicca qui

Ernia cervicale

È la fuoriuscita del nucleo polposo del disco intervertebrale generalmente dovuta alla rottura dell’anello fibroso che lo circonda. Un trauma che, nel caso dell’ernia cervicale, interessa l’area del rachide cervicale.

Per ulteriori approfondimenti clicca qui

Sovraccarichi da sport di potenza

In alcuni sport di potenza, il dolore al collo è un fastidio frequente ed è dovuto all’eccessivo lavoro a carico della struttura muscolare cervicale.

Per ulteriori approfondimenti clicca qui